Omicidio comandante di Hamas. Tre uomini hanno confessato: hanno ricevuto ordini da Israele.

17 maggio

Israele – Tre uomini accusati di aver assassinato Mazen Faqha - comandante dell’esercito militare di Hamas -  il 24 Marzo hanno confessato l’omicidio, ammettendo di aver ricevuto gli ordini da Israele.

Il comandante era impegnato a West Bank – Cisgiordania – quando è stato arrestato nel 2003 dalla polizia israeliana con l’accusa di voler pianificare attacchi contro Israele. Condannato a nove ergastoli, Faqha è stato rilasciato assieme ad altri 1.000 prigionieri palestinesi in cambio della scarcerazione del soldato Gilad Shalit.

Il generale maggiore Tawqif Abu Naim, comandante delle forze di sicurezza internazionali, ha affermato che i tre uomini hanno confessato di aver ricevuto l’ordine di sorvegliare Faqha dai servizi segreti israeliani,  comunicandone telefonicamente gli spostamenti. Il portavoce del Mossad, tuttavia, ha negato qualsiasi coinvolgimento nell’assassinio.

Fonte: Al Jazeera