ONU: Assad criminale di guerra?

Beatrice Guzzardi | 13 agosto

Vienna, 13 agosto - La Commissione d’Inchiesta dell’ONU sulla Siria ha raccolto le prove per accusare Bashar Al Assad di crimini di guerra. A comunicarlo è un membro della commissione, Carla del Ponte.

70 anni, già responsabile delle indagini sui crimini di guerra in Rwanda ed ex Yugoslavia, Del Ponte ha annunciato la scorsa settimana le proprie dimissioni a causa dell’incapacità delle Nazioni Unite di istituire un tribunale speciale per la Siria. 

In un’intervista allo Sonntags Zeitung, la funzionaria svizzera ha infatti dichiarato: “sono convinta che ci siano abbastanza prove perché Assad sia accusato di crimini di guerra, ma manca ancora l’ incriminazione ufficiale”.

Procuratore generale a Ginevra e nota in Italia per aver collaborato con Giovanni Falcone, Del Ponte nel settembre 2012 si è unita all’indagine delle UN sulla Siria, documentando attacchi con armi chimiche, violenze contro la popolazione Yazida in Iraq e bombardamento di convogli umanitari. Damasco ha finora smentito tutto.

Nonostante le Nazioni Unite stiano lavorando da tempo a un nuovo organismo giudiziario per le vicende siriane, Del Ponte ne ha denunciato la scarsa operatività, minacciando inoltre le proprie dimissioni. Il Consiglio di Sicurezza non sembra tuttavia intenzionato a adire il Tribunale Penale Internazionale dell’Aia.

Fonte: Reuters

Photo Credit / ©Public Domain / Wikimedia Commons 

 
 

Licenza Creative Commons