L’ONU condanna la guerra in Yemen

Beatrice Guzzardi | 6 agosto

Dubai 6 agosto - I rappresentanti delle Nazioni Unite in Yemen hanno riferito che gli ultimi attacchi hanno causato dodici vittime, fra cui tre minori, tra la popolazione dei territori controllati dagli Houti.

Nella provincia di Sa’ada sono stati attaccati un edificio e un furgone, provocando dieci morti e altrettanti feriti. A riportarlo, Jamie McGoldrick, coordinatore umanitario dell’Onu in Yemen.

L’agenzia Reuters ha inoltre riportato che venerdì tre donne e sei bambini sono rimasti uccisi durante un attacco aereo della coalizione a guida saudita, anche se Riyadh non ha rilasciato dichiarazioni.

Lo Yemen è sconvolto da una guerra civile fra i sostenitori del presidente Abd-Rabbu Mansour Hadi, tuttora in esilio, e il gruppo Houthi - finanziato da Tehran - che controlla il nord del paese e la capitale Sanaa.

Le recentissime vittime sono un chiaro esempio della brutalità del conflitto, come ha affermato con profonda preoccupazione McGoldrick. “Ambo le parti continuano a dimostrare disinteresse per la tutela dei civili, considerati e trattati alla stregua dei combattenti”.

Saada, principale roccaforte del gruppo Houthi, è stata ripetutamente colpita da attacchi aerei della coalizione degli stati arabi, costituitasi nel marzo 2015 per contrastare l’influenza iraniana nel sud della penisola arabica.

Fonte: Reuters

Photo Credit / ©Ibrahem Qasim  / Flickr.com (CC BY-SA 4.0)

 
 

Licenza Creative Commons