Kabul: polizia spara su corteo, 5 morti

Mirko Nazzari | 5 GIUGNo

2 giugno 2017. La BBC riporta che cinque persone sono state uccise a Kabul durante una marcia anti-governativa. I manifestanti protestavano contro le scarse misure di sicurezza del paese e la serie di attentati che ha sconvolto la città negli ultimi mesi. L’ultimo in ordine temporale è stato quello di mercoledì 31 maggio: l’esplosione di un’autobomba vicino all’area diplomatica - teoricamente una zona altamente sorvegliata - ha ucciso più di 90 persone, quasi tutte afgane, e ne ha ferite innumerevoli altre. Il corteo chiedeva le dimissioni del governo, ritenuto responsabile per la situazione emergenziale del paese, intonando anche slogan contro i talebani. La polizia, in tenuta anti-sommossa, ha usato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua per cercare di tenere la folla lontana dal palazzo presidenziale, aprendo infine il fuoco contro i manifestanti.

Le notizie riguardo l’accaduto sono comunque confusionarie: alcune fonti sostengono che durante la manifestazione sia stato ucciso anche il figlio di un importante uomo politico. Altre invece affermano che il bilancio sia di ben sette persone oltre a innumerevoli feriti. L’attentato di mercoledì scorso, uno dei più sanguinosi degli ultimi anni in Afghanistan, non è stato rivendicato da nessun gruppo terroristico. I Talebani hanno subito smentito un loro possibile coinvolgimento. I servizi segreti afgani sospettano che l’attacco sia stato opera di Haqqani, una rete terroristica affiliata ai Talebani, con l’aiuto logistico dal Pakistan. Quest’ultimo ha però respinto le accuse, definendole assolutamente infondate.

 Niloofar Nilgoon, uno dei 1000 partecipanti alla manifestazione di protesta, ha rilasciato un’intervista a Reuters. L’uomo sostiene che la comunità internazionale debba fare pressione sul governo per costringerlo alle dimissioni, poiché non in grado di guidare il paese. Attualmente si ritiene che quasi un terzo del paese sia fuori dal controllo governativo. Alcuni riferiscono inoltre che il Pentagono abbia convinto il presidente americano Trump a inviare altre truppe in Afghanistan, dopo che un alto comandante ha riferito di un evidente stallo nella lotta contro i talebani.

Fonte: BBC 

Photo Credit / ©DVIDSHUB / Flickr.com (CC BY 2.0)

 
 

Licenza Creative Commons