Captagon, la droga dell’ISIS.

Beatrice Guzzardi | 15 maggio

Nei mesi scorsi le polizie di tutta Europa hanno intercettato migliaia di pillole di Captagon, la droga più diffusa tra i miliziani dello Stato Islamico.

Conosciuto come “pillola della jihad”, il Captagon è una sostanza a base di amfetamine che provocano ipervigilanza e sazietà prolungate.

Mercoledì scorso, gli investigatori tedeschi hanno scovato un laboratorio che ne aveva prodotto un’enorme quantità. Le autorità sono alla ricerca di due sospetti. Inoltre, due mesi fa la polizia greca aveva arrestato quattro persone in possesso di circa 650.000 pasticche.

Il Captagon - noto come Biocapton  o Fitton - è una combinazione di amfetamina e teofillina, presenti nella tabella delle sostanze stupefacenti del Ministero della Salute. Nel lungo termine provocano letargia, abulia, depressione e malnutrizione.

Sebbene gli agenti greci e tedeschi non hanno confermato se le scorte di Captagon sequestrate siano destinate ai combattenti dell’ISIS, è noto che i miliziani ne facciano uso. Nel 2014 un ex combattente aveva riferito alla CNN che i comandanti fornivano a lui e ai suoi compagni la droga che li portava a “combattere senza preoccuparsi di morire”. Salah Abdeslam, uno degli attentatori del 13 novembre a Parigi, aveva delle siringhe di Captagon nel suo appartamento.

La droga è molto diffusa in Medio Oriente, soprattutto in Arabia Saudita dove, nonostante le severissime leggi, almeno il 40% dei tossicodipendenti ne abusa. Inoltre nel 2015 il Principe saudita era stato arrestato dopo che vennero trovate due tonnellate di pasticche a bordo del suo aereo privato.

Il Captagon veniva prodotto originariamente nell’Europa dell’est, in Turchia e in Libano. Oggi invece viene sintetizzato prevalentemente in Siria. Lo scoppio della guerra civile nel paese ne ha favorito la produzione da parte dello Stato Islamico.

Uno studio del 2013 evidenzia un ingente traffico di Captagon da parte di Hezbollah per finanziare le attività terroristiche. Fra Agosto del 2013 e Maggio 2015 sono stati realizzati più di trenta sequestri in Libano, portando alla luce una fitta rete di traffici tra Beirut e Damasco.

Anche in passato chi andava in guerra faceva uso di sostanze per combattere la paura. Fra queste, i derivati metamfetaminici da cui viene sintetizzato il Captagon. Proprio lo stupefacente che gli jihadisti prediligono per compiere I propri attacchi.

Fonte: Newsweek

Photo Credit / ©Public domain 

 

Licenza Creative Commons