Tensioni in Pakistan: due attentati in due giorni.

Gianluca Chiusano | 13 maggio

Pakistan – Continuano le tensioni nel Belucistan, in Pakistan. Sabato 13 maggio, nella provincia di Gwadar, alcuni uomini armati, in sella alle loro moto, hanno sparato contro alcuni muratori, uccidendone dieci. Il giorno precedente, a Mastung, un attacco suicida ha provocato almeno venticinque morti e trentasette feriti.

L’attentato di sabato è stato rivendicato dall’ Esercito di liberazione del Belucistan, un gruppo separatista che da una decina d’anni combatte contro il governo pakistano per l’indipedenza della regione, colpendo soprattutto le forze di sicurezza ed i civili.

Venerdì 12 maggio, invece, si è verificato un attacco suicida a Mastung nel Belucistan, regione sud-occidentale del Pakistan, provocando 25 morti e 37 feriti. Di questi, dieci versano in gravi condizioni all’ospedale di Quetta, capoluogo distante poche decine di chilometri dal luogo dell’esplosione. Come riportato da Al-Jazeera, obiettivo dell’attentato era il vice presidente del Senato Abdul Ghafoor Haideri, sopravvissuto alla deflagrazione riportando solo lievi lesioni. Membro del partito conservatore “Jamaat Ulema Islam” che sostiene il governo del premier Sharif, è stato eletto al Senato nel 2008 per diventarne vice presidente nel 2015.

L’attentato si è verificato al termine delle preghiere delvenerdì nei pressi della principale moscheadi Mastung, mentre Haideri stavauscendo da una vicina madrassa dove aveva presenziato alla consegna dei diplomiagli studenti.

Lo Stato Islamico, tramite l’agenzia di stampa Amaq, harivendicato l’azione rendendo onore al miliziano che si è fatto esplodere. Alcontrario, il gruppo Lashkar-e-Jangvi, pur avendo appoggiato Daesh nella realizzazione di attacchi come quello di novembre 2016 in Belucistan, ne haformalmente preso le distanze attraverso le dichiarazioni del suo portavoce.

Il Belucistan è la regione più grande e più popolata del Pakistan. Localizzata a sud- ovest del Paese, ne occupa circa metà territorio. La provincia assume un’evidente rilevanza strategica sia per via delle sue preziose risorse naturali, che includono gas, petrolio, rame ed oro, sia per la sua posizione geografica. Nonostante le ricche risorse, il Belucistan rimane una delle regioni più povere del Paese. Infatti, nonostante i numerosi progetti economici statali, la popolazione si è sempre lamentata del governo pakistano, accusandolo di eccessiva iniquità economica nei suoi confronti. A ciò si aggiungono altri fattori, quali la guerra in Afghanistan, la costruzione del porto a Gwadar e la dura repressione militare contro le rivendicazioni nazionalistiche dei beluci, che hanno spinto la popolazione ad insorgere, contribuendo all’instabilità della regione.

 

Photo Credit / ©isafmedia / Flickr.com (CC BY 2.0)

 
 

Licenza Creative Commons