Bogotà, attacco terroristico in un centro commerciale: 3 morti e 11 feriti

Mirko Nazzari | 19 GIUGNo

17 giugno 2017. Un’esplosione in un centro commerciale a Bogotà ha ucciso tre donne e ferito undici persone. Le autorità ritengono che l’esplosione sia stata causata da un ordigno posizionato in un bagno della struttura e che l’azione possa essere considerata un vero e proprio “attacco terroristico”. Il centro commerciale era molto affollato al momento dell’esplosione: molte le persone intente a comprare regali per la Festa del Papà, festeggiata domenica 18 giugno.

Le indagini sono in corso, ma non sono ancora stati individuati i responsabili. L’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN), il secondo gruppo di ribelli più grande del paese dopo le Farc, ha usato il suo account Twitter per condannare l’attacco e per esprimere solidarietà nei confronti delle vittime. I portavoce dell’ELN sostengono inoltre che coloro che li stanno accusando cercano in realtà di far fallire le trattative avviate con il governo.

Il gruppo ribelle è comunque al centro delle indagini delle autorità per l’attentato dello scorso febbraio, nel quale è morto un poliziotto e ne sono rimasti feriti ventiquattro. Il modus operandi dell’ELN è però diverso da quello messo in atto durante l’attacco di sabato scorso: il suo target è rappresentato infatti dalle forze di sicurezza e non dai civili.

Il Presidente Santos si è recato al centro commerciale qualche ora dopo l’attentato, condannandolo aspramente. Ha inoltre invitato i suoi concittadini a restare calmi e a non farsi prendere dal panico, poiché sarebbe proprio questo l’obiettivo dei terroristi.

All’interno della struttura, al momento dell’esplosione, era presente anche Richard Emblin, direttore del “The City Paper”, l’unico magazine in inglese pubblicato in Colombia. In un’intervista rilasciata alla BBC, ha raccontato che si trovava nel cinema del centro commerciale. Queste le sue parole: “Quando il film era più o meno a metà, c’è stata una fortissima esplosione. Ho sentito il pavimento muoversi sotto la mia poltrona”. L’uomo è stato poi fatto uscire insieme agli spettatori da un’uscita posteriore, senza tuttavia capire cosa stesse succedendo.

Fonte: BBC 

Photo Credit / ©Camilo Rueda López / Flickr.com (C BY-ND 2.0)

 
 

Licenza Creative Commons