Algeria: lo Stato Islamico rivendica attacco suicida fallito a Costantina

cecilia Ridani | 28 FEbbraio 

COSTANTINA - La sera del 26 febbraio un uomo ha tentato di farsi saltare in aria davanti a un commissariato di polizia a Costantina, città dell'Algeria nordorientale.

Al momento dell’attacco, un poliziotto che si trovava sul posto è riuscito a fermare in tempo la follia suicida del kamikaze, evitando così una strage.

La Direzione generale della Sicurezza Nazionale, in un comunicato citato dall’agenzia di stampa Algérie Presse Service (APS), ha infatti dichiarato:

«Un poliziotto che era davanti alla sede della stazione di polizia, la quale si trova sotto un edificio che ospita una dozzina di famiglie, dopo diversi tentativi ha risposto con vigore ed eroicamente, colpendo con precisione la cintura esplosiva indossata dal terrorista».

Le autorità non hanno precisato se il kamikaze sia stato ucciso nell’esplosione, secondo i media locali però sono due i poliziotti rimasti feriti.

La procura ha immediatamente aperto un’inchiesta.

Nelle ore successive, un gruppo dello Stato Islamico ha rivendicato l’attacco terroristico attraverso un comunicato online in cui si afferma che «il kamikaze Abou El Hassan Ali è riuscito a raggiungere il commissariato di polizia di Bab El-Lantara a Costantina, senza però riuscire a farsi esplodere».

Come riportato da Le Monde, l’attentato a Costantina potrebbe essere la diretta conseguenza di un’operazione militare condotta la settimana scorsa nella regione di Bouira a 125 km a est di Algeri che ha portato all’uccisione di quattordici presunti terroristi legati all’Isis.

Nonostante l'adozione nel 2005 di una Carta per la pace e la riconciliazione, finalizzata a archiviare la guerra civile che ha causato oltre 200.000 morti durante il "decennio nero" (anni ’90), i gruppi armati islamici rimangono attivi in quasi tutto il sudest del Paese.

Secondo dati ufficiali dell’esercito algerino, dall'inizio dell'anno, almeno venti membri dell’Isis sono stati catturati e uccisi in queste regioni.

 

Licenza Creative Commons