Conflitto in Mynamar: rifugiati Rohingya in Bangladesh

Beatrice Guzzardi | 5 settembre

Il numero di rifugiati Rohingya che oltrepassano il confine fra Mynamar e Bangladesh è in costante aumento. A dichiararlo sono le Nazioni Unite: più di 35000 nuovi arrivi nelle ultime 24 ore.

Dal 25 agosto più di 123000 Rohingya stanno fuggendo dalle violenze della maggioranza Rakhine. Il conflitto è stato scatenato da una serie di attacchi di miliziani Rohingya a numerose postazioni di polizia. Immediata la controffensiva governativa che ha costretto migliaia di civili alla fuga.

La comunità Rohingya rappresenta una minoranza prevalentemente musulmana del Mynamar. Molti rifugiati hanno riferito che truppe governative e appartenenti alla etnia Rakhine li hanno cacciati dai propri villaggi, la cui distruzione li ha infine costretti a ripiegare in Bangladesh.

Al momento è difficile verificare la situazione, poiché non è facile entrare nel paese. Non solo per la stampa, ma anche per i funzionari diplomatici occidentali.

Le Nazioni Unite hanno lanciato l’allarme umanitario in Bangladesh. Le razioni di cibo e medicinali cominciano a scarseggiare, sebbene i flussi di esuli non sembrano destinati ad arrestarsi. I due principali campi d’accoglienza sono infatti prossimi al collasso,mentre sono sempre di più coloro che si accampano nei loro pressi. La situazione si fa di ora in ora più critica ed elevati sono i rischi di epidemie che potrebbero diffondersi anche fra la popolazione autoctona.

Fonte: BBC

Photo Credit / ©European Commission DG ECHO / Flickr.com (CC BY-NC-ND 2.0) 

 
 

Licenza Creative Commons