Attentato suicida a Kabul. Almeno 20 morti.

7 febbraio

AFGHANISTAN – Almeno 20 persone hanno perso la vita in un’esplosione a Kabul davanti alla Corte Suprema. Per il momento si registrano 45 feriti, anche se il bilancio è provvisorio. I sopravvissuti sono stati trasportati in ospedale.  

Il vice portavoce del Ministro degli Interni, Najib Danish, ha dichiarato che l’attentatore, appiedato, ha fatto detonare il suo giubbotto carico di esplosivi. Secondo la polizia il terrorista aveva come obiettivo gli impiegati che stavano uscendo dall’edificio.

La notizia è stata riferita dal portavoce del Ministro della salute, Ismail Kawasi. L’attentato non è stato ancora rivendicato, anche se si pensa un possibile coinvolgimento dei talebani. I terroristi, infatti, hanno già colpito in passato la stessa Corte suprema, così come altri istituti giudiziari.

Sempre in Afghanistan, qualche ora prima è stato ucciso a seguito di un’altra esplosione un funzionario di governo di un distretto della provincia occidentale di Farah. L’attacco è stato rivendicato dai talebani.

Fonte: Al Jazeera